In un mercato dove ormai le soulzioni in cloud stanno prendendo piede rispetto alle soluzioni on premise, Acronis punta oggi tutto sulla sua rinnovata piattaforma Acronis Data Cloud

Oggi un provider di servizi può fornire diversi servizi di protezione del dato da un unica console in cloud.

 

La console oggi comprende i servizi:

 

Acronis Backup Cloud: il famoso motore di backup, ormai giunto alla versione 12, disponibile per la quasi totalità di tipologie di client, dai classici computer e server, ai dispositivi mobili, alle soluzioni già in cloud come Office 365 o Azure o Amazon.

 

 

 

 

Acronis Disaster Recovery Cloud: integrato con il sistema di Backup, permette di essere istantaneamente operativi attivando la propria infrastruttura (di cui già si ha un backup in cloud) sui sistemi di Acronis come failover cloud, in caso di fermo dei servizi del cliente, ed eventuale fallback con pochi semplici passaggi

 

 

 

 

Il nuovissimo Acronis Files Cloud: la piattaforma di condivisione file di Acronis, che permette di accedere da qualsiasi dispositivo ai propri documenti e di condividerli in pochi clic, con tutte le funzionalità di privacy e le certifiche di compliance che gli altri sistemi di condivisione non hanno o che possono essere implementato solo con lavoro e costi addizionali.

 

 

 

 

In arrivo anche Acronis Storage Service 2.3: la soluzione universale di software-defined storage in cloud, che combina la possibilità di immagazzinare a livello di oggetto, file o blocco logico, compatibile con le tecnologie Acronis Notary per la certificazione del dato e con Amazon S3 per la massima versatilità

 

 

 

Come fornitore di servizi (MSP), oggi puoi fornire tutte queste soluzioni da un’unica piattaforma appositamente studiata per i provider, con possibilità di:

  • fornire il servizio in White Label

  • trial integrate e semplici da attivare e da convertire

  • reporting personalizzato e dettagliato

  • multilingua

  • multitier (con i servizi attivabili singolarmente)

  • multitenant senza limiti di livelli

  • possibilità di utilizzare i propri datacenter in (modalità hybrid cloud)

Segui il nostro webinar sulla soluzione.